News Salute

Correre: i consigli per allenarsi

Scopriamo di più

D’estate è più facile avere voglia di muoversi, e magari di andare a correre, vuoi per ritrovare, vuoi per mantenere la forma ottenuta attraverso l’esercizio fisico. È importante specificare che anche la corsa, se praticata in modo non corretto e senza gli adeguati accorgimenti, può essere causa di problemi. Prima di tutto, è bene fare una visita in modo da valutare la funzione cardiovascolare e respiratoria. Chi punta a un’attività di corsa più intensa dovrebbe rivolgersi anche a un ortopedico, in modo tale da scongiurare la possibilità che eventuali situazioni morfologiche e funzionali o patologie già attive rendano controproducente la corsa. Bisogna indossare calzature specifiche per il running che assicurino stabilità nell’appoggio, siano confortevoli e abbiano il giusto ammortizzamento dell’urto del piede a terra. La scelta della scarpa dovrebbe dipendere anche dal nostro peso, dalle distanze e il tipo di superficie che si percorrerà e sulle caratteristiche del piede, che può essere neutro, piatto o cavo.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, è bene privilegiare materiali tecnici traspiranti e leggeri per favorire lo scambio di calore, senza esagerare con gli strati. Per proteggere la pelle e gli occhi, è consigliabile mettere la crema solare protettiva e indossare occhiali scuri. Se si vuole correre in estate è importante evitare le ore centrali della giornata. Meglio concentrarsi sul mattino o sulla sera, dipende dalle caratteristiche delle persone: correre al mattino, prima di colazione o dopo una leggera colazione, è forse più salutare, ma correre la sera permette di smaltire lo stress della giornata.

I benefici degli asparagi

Approfondimento

Asparago deriva da “asparagus”, che in latino significa “germoglio”, proprio per il loro apparire nei primi periodi primaverili. Gli asparagi sono strettamente connessi ai reni, organi-filtro che, insieme al fegato, sono necessari per depurare e liberare l’organismo da scorie e ristagni in eccesso. L’asparagina, un aminoacido presente in gran quantità negli asparagi, è la sostanza che dà a questo alimento la caratteristica azione diuretica. Gli asparagi sono anche ricchissimi di fibre solubili e insolubili, in grado di stimolare la digestione e la regolarità intestinale e rallentare l’assorbimento di grassi e zuccheri nel sangue. Ancora, negli asparagi c’è il glutatione, un potente antiossidante che, oltre alla funzione antiage su pelle e corpo, svolge anche un’azione detossinante.

Una porzione di asparagi è un modo gustoso di inserire all’interno dell’organismo tantissimi minerali e vitamine. Nei fusti sono presenti calcio, fosforo, potassio e magnesio, regolatori dell’equilibrio idrico, indispensabili per smaltire le tossine, regolare il metabolismo, proteggere le ossa e migliorare anche l’attività della mente. Anche la vitamina A, la B6 e la C sono presenti in gran quantità. Inoltre, abbiamo l’acido folico, utile per la sintesi di emoglobina e per il corretto equilibrio e funzionamento del sistema nervoso e la quercetina. In più gli asparagi sono fonte di triptofano, precursore della serotonina, anche nota come ormone della felicità, che aiuta a migliorare l’umore nei momenti di stress.